BONAFEDE: la Procura Generale di Napoli “indaga” per notifiche alla Penitenziaria

Alfonso Bonafede in una lettera inviata al Deputato casertano del Movimento Cinque Stelle Antonio Del Monaco, relativa ai fatti avvenuti l’11 giugno scorso al carcere di Santa Maria Capua Vetere (Caserta), quando i carabinieri notificarono atti giudiziari ai poliziotti penitenziaria all’esterno del carcere, davanti ai familiari dei detenuti, scatenando la rabbia degli agenti e delle associazioni di categoria, oltre 50 agenti in servizio in massima parte proprio nel penitenziario casertano. Le modalità che hanno comportato la notifica degli atti provocò la dura protesta dei Poliziotti penitenziari, dovettero intervenire i vertici del DAP e il procuratore aggiunto di Santa Maria Capua Vetere Alessandro Milita, per far rientrare la protesta. Del Monaco scrisse subito al Ministro della Giustizia, il quale ha evidenziato che, il Guardasigilli, non può interferire nell’indagine della magistratura, ma ricorda che sulla vicenda “sono in corso accertamenti da parte della Procura generale di Napoli per le modalità con le quali sono state compiute le notifiche”.