CANDIDATO GARANTE DEI DETENUTI DENUNCIA APPARTENENTE AL CORPO

Accanimento ingiustificato verso un appartenente alle forze di polizia penitenziaria che nell’ambito del proprio servizio si trova a fronteggiare un tentativo di fuga da parte di un detenuto presso il carcere di Campobasso.

Vogliamo fare un appello al Ministro della Giustizia Alfonso BONAFEDE  e al Capo del DAP Francesco BASENTINI per rivedere il ruolo dei garanti dei detenuti. A partire dagli strumenti, ben al di sopra delle associazioni poste a tutela dei poliziotti al lavoro.  Sono dotati di personale, strutture e risorse fornite dalla stessa amministrazione.

se pensiamo che a nominarli è la politica, significa che per essere eletti si rendono responsabili di “azioni forti” verso i poliziotti.

vi sottopongo l’articolo del quotidiano termolionline.it che ci racconta la denuncia di un candidato a garante regionale dei detenuti nella regione Calabria

COMMENTO DI MIMMO NICOTRA VSG OSAPP

.Violenza contro detenuto,Quintieri (Radicali): «Denunciato l’Agente di Polizia Penitenziaria»
CRONACA Termoli giovedì 31 gennaio 2019 di La Redazione
PIÙ INFORMAZIONI SU Campobasso

CAMPOBASSO. Emilio Enzo Quintieri (Consigliere Nazionale dei Radicali
Italiani e candidato Garante Regionale dei Diritti dei Detenuti della Regione
Calabria) fa un esposto di denuncia contro la Polizia Penitenziaria di
Campobasso.
«Quanto accaduto ieri a Campobasso – ai danni di un detenuto che aveva tentato
di evadere – ad opera di un Agente di Polizia Penitenziaria, è di una gravità
inaudita ed occorre che siano intrapresi immediati provvedimenti.
Per tale ragione, questa mattina, ho presentato un esposto denuncia alla Procura
della Repubblica di Campobasso e, per quanto di competenza, al Garante
Nazionale dei Diritti dei Detenuti, al Capo del Dipartimento dell’Amministrazione
Penitenziaria ed all’Onorevole Riccardo Magi, Deputato di +Europa contro uno
degli Agenti Penitenziari per i reati di abuso di autorità e dei mezzi di disciplina e
minaccia grave, fatti aggravati perché commessi da un Pubblico Ufficiale contro
una persona detenuta affidata alla sua vigilanza e custodia.
Lo afferma Emilio Enzo Quintieri, già Consigliere Nazionale dei Radicali Italiani e
candidato Garante Regionale dei Diritti dei Detenuti della Regione Calabria.
Non è assolutamente tollerabile che un Agente Penitenziario si comporti in quel
modo; il detenuto, senza motivo, è stato ripetutamente percosso con schiaffi,
pugni e calci, nonché minacciato utilizzando la pistola d’ordinanza, che, dopo
essere stata estratta dalla fondina, gli è stata puntata più volte alla bocca ed alla
testa, prosegue l’esponente radicale Quintieri.
Per quel che emerge dal video, non c’era alcuna resistenza attiva o passiva in atto
né altri atti di violenza, che potesse legittimare l’impiego della forza nei riguardi del
detenuto che dopo la tentata evasione era stato subito catturato e si trovava nella
piena disponibilità del personale di Polizia Penitenziaria.
Nell’esercizio delle proprie funzioni quotidiane, il personale penitenziario, deve
rispettare e tutelare la dignità umana e preservare e far rispettare i diritti
fondamentali di ogni persona e non deve far ricorso alla forza contro i detenuti
salvo in caso di legittima difesa, di tentativo di evasione o di resistenza fisica attiva
o passiva ad un ordine legittimo, e sempre come ultima risorsa.
Mi auguro che ognuna delle Autorità competenti, a cui ho indirizzato l’esposto,
assuma al più presto rigorosi provvedimenti al riguardo, conclude l’ex Consigliere
Nazionale di Radicali Italiani».
Emilio Enzo Quintieri

https://www.termolionline.it/news/cronaca/786212/violenza-contro-detenuto-quintieri-radicali-denunciato-lagente-di-polizia-penitenziaria