DETENUTO TENTA LA FUGA PRONTAMENTE RIPRESO DAGLI AGENTI DI POLIZIA PENITENZIARIA

Continuano gli eventi critici nella Casa Circondariale di Campobasso. Bizzarro il caso di un detenuto, in grado di muoversi solo con l’utilizzo delle stampelle, che è stato ricoverato presso il Cardarelli di Campobasso per un presunto malore e poi dimesso nello stesso giorno dai medici dell’Ospedale del capoluogo. Al rientro, nell’istituto penitenziario di via Cavour, il detenuto non ha perso tempo per fuggire disfandosi delle stampelle e cercando di evadere correndo velocemente al di fuori della casa circondariale.
Ripreso dopo alcuni minuti è stato trasportato nella cella delle patrie galere.

http://moliseweb.it/info.php?id=19432

il fatto accaduto purtroppo sarà oggetto di molte critiche, abbastanza scontate direi. Ancora una volta, i sostenitori dei delinquenti avranno modo di “massacrare” il lavoro svolto dalla penitenziaria.

Giudicare i fatti e le reazioni a caldo sulla base di un video  amatoriale può sembrare facile, se non si tiene conto che parliamo di una fuga premeditata. Altrimenti come  si spiega che un detenuto dentro il carcere finge di non poter deambulare senza l’ausilio di stampelle e i medici non si accorgono che finge? e altrettanto finto è il malore per recarsi in ospedale  e tentare la fuga?. Ma tutto questo non conta, tutti a condannare  la reazione di un poliziotto penitenziario che in preda all’adrenalina e alla rabbia per essere stato preso in giro dal “sistema” che senza approfondire certifica le condizioni dei detenuti scarica ancora una volta  tutte le responsabilità per i fatti accaduti sul corpo di Polizia Penitenziaria.

COMMENTO DI MIMMO NICOTRA S.G.A. OSAPP